Lecce – Fiorentina 0-1

7 05 2012

L’incubo è finito. La Fiorentina evita la retrocessione vincendo lo scontro diretto di Lecce e si toglie dalla lotta per non retrocedere lasciando l’ultimo posto per la B a Lecce e Genoa. Sia ben chiaro, non c’è nulla da festeggiare, solo un sospiro di sollievo per non ritrovarsi a dover sperare in un punto nell’ultima giornata, anche se va detto che, visti i risultati di domenica, la Fiorentina si sarebbe salvata ugualmente anche se avesse perso.

Dopo l’esonero di Delio Rossi a Lecce va in panchina Guerini, lo schema resta il solito, cambiano invece alcuni interpreti visto che in difesa vengono ripescatati Gamberini e Felipe (al debutto stagionale da titolare), in mediana si rivede Behrami, mentre in avanti Olivera gioca in appoggio a Cerci visto che di altre punte disponibili non ce ne sono. Il Lecce si ritrovava nellla necessità di dover vincere per forza, la Fiorentina poteva così fare la gara come le riesce meglio, ovvero aspettando e ripartendo in contropiede. Nel primo tempo sono pochi i pericoli corsi dai gigliati, mentre da parte Viola ci sono almeno tre grosse opportunità: la prima con un tiro dal limite dell’area di Montolivo, poi Cassani impegna ancora Benassi dopo uno splendido uno-due con Olivera, alla terza occasione la Viola passa in vantaggio su un lungo lancio dalle retrovie Olivera tocca il pallone per smarcare Cerci che si presenta solo davanti a Benassi e lo batte con una conclusione precisa sul primo palo. La sfortuna accompagna la Viola perchè raramente ricordiamo una squadra che è costretta a fare tre cambi per infortuni, nel primo tempo esce Behrami (al suo posto dentro Marchionni), nella ripresa fuori prima Montolivo (per Lazzari) e poi Felipe (al suo posto entra Camporese).

Nel secondo tempo la Fiorentina non ne ha più e consegna di fatto la partita ai salentini, i viola non riescono mai a ripartire e il Lecce così cerca la chance giusta in avanti, la migliore occasione arriva ad inizio ripresa da un calcio d’angolo su cui Boruc esce male ed Esposito di testa coglie la traversa a porta vuota, la Viola corre altri rischi ma il Lecce non crea altre palle gol clamorose.

La Fiorentina si conferma in questa seconda parte di stagione squadra da trasferta con il terzo successo colto lontano dal Franchi negli ultimi due mesi, adesso dopo aver scacciato l’incubo serie B è opportuno pensare alla rifondazione. Servirà una nuova dirigenza, un nuovo allenatore e una robusta rivoluzione tra i calciatori, dopo oltre due anni di anonimato con annesso svuotamento del Franchi è necessario un campio di passo per cambiare questa pericolosa inerzia al ribasso. Domenica prossima ultimo turno di campionato al Franchi, gara senza valore per la classifica, forse sarà utile per dare spazio a qualche giovane.

Boruc 6 Sufficienza risicata, in porta se la cava, ma sbaglia due uscite su calcio d’angolo che potrebbero costare caro

Gamberini 6 Si rivede dopo alcune settimane, si prende pochi rischi ma sbaglia poco

Natali 6 Piccolo passo indietro rispetto ad altre partite, complessivamente sufficiente ma sbaglia diversi appoggi

Felipe 6 La prima da titolare alla pen’ultima giornata, ma giocando a tre in difesa non si poteva rispolverare prima? (dal 31’ st Camporese sv)

Cassani 6 Sbaglia un’occasione clamorosa solo davanti a Benassi, si applica molto in fase difensiva.

Behrami sv Prova a giocare ma dopo neanche mezz’ora deve alzare bandiera bianca (dal 28’ pt Marchionni 6 Gioca da centrocampista centrale e non sfigura)

Montolivo 6 Fornisce una prestazione accettabile pur non essendo al massimo, con ogni probabilità si chiude a Lecce la sua avventura in maglia viola (dal 11’ st Lazzari 5,5 Entra nel momento peggiore della squadra, ma  sbaglia troppi appoggi)

Kharja 5 Va a passo lento per tutta la partita, nel secondo tempo è quasi irritante.

Pasqual 6 Si propone spesso in fase offensiva anche se con l’attacco attuale i cross non servono, dà supporto in difesa.

Olivera 7  La sua miglior partita in maglia viola, firma l’assist per il gol di Cerci e manda in porta Cassani, cala nel secondo tempo.

Cerci 7 Ottima gara: firma il gol salvezza e festeggia sotto il curvino ospite, da solo tiene impegnata la retroguardia avversaria.

AN





La quota salvezza

17 04 2012

Non eravamo certo partiti con queste aspettative ma purtroppo ci ritroviamo a lottare per la salvezza e in questi giorni da più parti sorge, spontanea, la domanda: ma quanti punti servono per salvarsi?

Noi di Universo Gigliato abbiamo analizzato gli ultimi 10 campionati per vedere, matematicamente e statisticamente quale può essere la famigerata quota salvezza.

Ecco qui di seguito i dati delle squadre che hanno occupato l’ultima posizione utile per la permanenza in serie A:

Stagione

Squadra

Squadra

Squadra

Squadra

Punti

2001/2002

Brescia

Udinese

40

2002/2003

Modena

Empoli

Reggina

38

2003/2004

Reggina

Siena

34

2004/2005

Parma

Fiorentina

42

2005/2006 ***

Messina

31

2006/2007

Cagliari

Torino

Reggina

Siena

40

2007/2008

Catania

37

2008/2009

Bologna

37

2009/2010

Bologna

42

2010/2011

Lecce

41

*** stagione di calciopoli

Abbiamo tolto dai nostri calcoli la stagione 2005/2006 (quella di calciopoli) in quanto la quota salvezza del Messina è puramente teorica in quanto risente della retrocessione all’ultimo posto della Juventus (0 punti finali…che bellezza!!!) e della forte penalizzazione alla Lazio (che ha chiuso il campionato a 32 punti).

Nei restanti 9 campionati la quota salvezza media è 39 punti e il massimo di punti necessari per salvarsi sono stati 42 punti (necessari al Parma e proprio alla Fiorentina nella stagione 2004/2005 e al Bologna nella stagione 2009/2010).

La Fiorentina in questo momento ha 37 punti e questo calendario: Inter (casa), Roma (fuori), Atalanta (f), Novara (c), Lecce (f) e Cagliari (c). Considerando che con 42 punti la salvezza dovrebbe essere sicura, salta subito all’occhio come questa passi inevitabilmente dal Franchi. Vincere con Novara e Cagliari in casa è l’obbiettivo minimo per raggiungere i 42 punti. Se poi viene fuori qualche altro punto tanto meglio…

LR





La S.F.Rondinella festeggia la salvezza !!!!

4 05 2010

https://universogigliato.wordpress.com/s-f-rondinella/





Archivio Fotografico: Fiorentina 1977-78. Salvezza all’ultimo respiro…

9 01 2010