Genoa – Fiorentina 2-1

29 10 2009

Click. Chi ha spento l’interruttore di questa squadra? Di fronte ad un Genoa tuttaltro che irresistibile arriva un’altra sconfitta. Una prima mezzora giocata in modo autoritario dai Viola. Poi dal 30 si è spenta la luce e il Genoa è venuto fuori. Solo per 15 minuti nel secondo tempo la Fiorentina ha costruito qualcosa di buono segnando un goal e colpendo due pali: uno con Montolivo e uno con Gamberini. Subito dopo i due legni colpiti è arrivato il pareggio di Marchionni su assist di Pasqual. Proprio Pasqual è poi stato protagonista, questa volta in negativo, per il definitivo vantaggio rossoblu.

Una partita quindi a due velocità della compagine gigliata condizionata, ormai è diventata un’abitudine, dall’arbitro. Due i rigori contestati dalla Fiorentina e la moviola sembra dar ragione alla formazione Viola. Pur non avendo giocato benissimo, il pareggio, visti i due legni colpiti e i due rigori non fischiati, sarebbe stato il risultato più giusto.

Per la prima volta, sicuramente più per necessità che per convinzione, Prandelli ha fatto scendere in campo Gilardino, Mutu e Jovetic contemporaneamente. L’esperimento non è andato certo bene e probabilmente, questa situazione, sarà ripetuta solo in emergenza o a partita in corso. Non è il momento certo di far polemiche ma è necessario, proprio in questi momenti, di fare quadrato intorno alla squadra per ritrovare gioco e risultati. Non ci permettiamo quindi di dire chi ha giocato male, in questa sconfitta c’è anche una buona dose di sfortuna, ma vogliamo solo evidenziare l’ottima prova di Montolivo, finalmente continuo nelle giocate e ispirato nei tiri da fuori.

Domenica arriva il Catania, poi il Debrecen e poi l’Udinese in Friuli. Tempo per rifarsi c’è. Il quarto posto è lontano 2 punti…