Ecco cosa pensa Galliani dello stadio Artemio Franchi…

23 12 2009





Campionato di Promozione Girone C: Valdarbia – S.F.Rondinella 0-2

16 12 2009

Segnaliamo la bella prestazione della S.F.Rondinella che espugna il campo del Valdarbia per 0-2.

Risultati e classifiche li potete trovare presso la nostra nuova pagina dedicata alla seconda e storica squadra di Firenze:

https://universogigliato.wordpress.com/s-f-rondinella/





Aggiornamento Angolo del tifoso

11 12 2009

Sono state aggiunte nuove foto di coreografie nell’angolo del tifoso:

https://universogigliato.wordpress.com/essere-un-tifoso-viola/





Certi pessimi esempi…

8 12 2009

I genitori litigano e urlano in tribuna. «Pulcini» spaventati, partita sospesa

http://www.corriere.it

07.12.2009

FIRENZE – Una lite in tribuna tra i genitori; i giocatori, tutti della categoria «pulcini», età otto anni, che si spaventano e non riescono più a giocare; infine la decisione degli allenatori di ritirare le squadre dal campo. L’episodio è avvenuto durante la gara Affrico-Firenze Sud ed è stato riportato oggi dal quotidiano locale Il Firenze.

LITE IN TRIBUNA – I bambini stavano disputando la loro partita – una gara di esibizione – al campo sportivo di viale Fanti, sede della società Affrico, una delle polisportive più antiche di Firenze. Ad un certo punto, però, nel secondo tempo, genitori e parenti dei bambini hanno cominciato ad offendersi. La lite si sarebbe scatenata dall’eccessivo incitamento di un padre che pretendeva più agonismo e più cattiveria. Un suggerimento lontano dal fair play che dovrebbe valere sempre nello sport e in particolare a livello giovanile, e che ha scatenato una furibonda discussione. Anche i due allenatori in campo si sono messi a discutere. Le urla hanno talmente spaventato i bambini da inibirli nel seguire il gioco. Si sono fermati per la paura di quello che stava succedendo tra i loro familiari.

… E LA SQUADRA SI RITIRA – Uno dei due allenatori, sembra quello del Firenze Sud, ha deciso di ritirare la squadra, seguito dal collega. Oggi partirà il report alla Figc, un resoconto dovuto al termine di ogni incontro disputato sotto l’egida della federazione in cui verrà spiegato il motivo dell’interruzione della partita.

IL DIRETTORE SPORTIVO DELLA SQUADRA – «Ci vergogniamo per quanto accaduto, ma quell’invito a picchiare urlato da un anziano ai nostri bambini non ci appartiene e per rimediare abbiamo già programmata una serie di iniziative». Così il direttore sportivo della società Affrico calcio, Matteo Petrachi commenta la sospensione della gara tra i «pulcini» dell’Affrico e del Firenze Sud. «Lavoriamo con 250 ragazzi, cinque anni fa ne avevamo 50. Insegniamo a giocare e trasmettiamo valori – spiega Petrachi – per questo dico che quel gesto non ci appartiene. Da molti siamo ritenuti un esempio. La partita sarà recuperata e in quella occasione organizzeremo una festa. Ho già parlato con l’altra società e c’è l’ok: faremo entrare in campo i ragazzini tenendosi per mano, faremo il cosiddetto terzo tempo a fine gara e poi una merenda che coinvolga tutti». All’Affrico lavora come consulente Celeste Pin, ex stopper della Fiorentina e dal vivaio della società sono usciti diversi giocatori che sono arrivati al professionismo: l’ultimo è l’attaccante dell’Albinoleffe Marco Cellini che nelle ultime due stagioni ha segnato per i bergamaschi 28 reti.





Intervista ad Alessandro Bassi, Direttore Sportivo della S.Frediano Rondinella

19 09 2009

giglio[1]

La S.Frediano Rondinella SSDRL è la seconda società calcistica di Firenze, nata nel 1946 e rifondata in seguito a fallimento nel 2009 dalla società originaria conosciuta comunemente come Rondinella Marzocco

Nel maggio 2009 la Rondinella Firenze avvia le procedure di fallimento a causa di una elevata esposizione debitoria. Nel luglio 2009 viene fondata la nuova società S.Frediano Rondinella SSDRL, a cui la Lega Nazionale Dilettanti conferisce il titolo sportivo, il parco giocatori (in realtà solo pochi elementi) e l’anzianità di affiliazione della vecchia società: la S.Frediano Rondinella SSDRL viene così ammessa in soprannumero al campionato di Promozione 2009/2010.

Ringraziamo il Direttore Sportivo Alessandro Bassi per la cortese intervista concessa al ns. sito.

U.G.: Siamo tutti memori di cosa è successo alla Fiorentina nel 2002. Come è stata la sua esperienza nell’arrivare in una società appena uscita da un un fallimento?  Quali sono state le iniziali problematiche da affrontare non appena vi siete insediati ?

A.B.: La San Frediano Rondinella è nata ufficialmente il 21/07/09 quando altre società avevano già iniziato la preparazione. Oltre alla composizione della squadra che partecipa al campionato di Promozione girone C, ci siamo dovuti occupare del riordino dell’impianto sportivo (lo stadio Buozzi delle Due Strade) che era in condizioni fatiscenti. Quindi grandi difficoltà, ma, grazie all’entusiasmo e alla professionalità di coloro che hanno rilevato la società (Stefano Bemer – Presidente, Alfredo Cozzi – Amm. Delegato, Marco Venturini – Direttore Generale e Gianni Bindi – Responsabile Impianti ed eventi) ci siamo fatti trovare pronti per l’inizio della preparazione il 17 Agosto.

Argomento Campagna Acquisti. Quali erano gli obiettivi prefissati? Siete soddisfatti del vs. operato ?

Anche la campagna acquisti, sempre per il periodo in cui siamo partiti, non è stata facile ma sono convinto che la rosa sia pronta per conquistare la salvezza che è il nostro obbiettivo primario di questa stagione

Quali sono i vs obbiettivi sportivi e organizzativi per questa stagione?

Come detto per la prima squadra l’obbiettivo sportivo è il mantenimento della categoria. Inoltre quest’anno abbiamo allestito da zero anche la squadra Juniores categoria che la vecchia società era da 2 anni che non faceva, oltre alla scuola calcio. Gli obbiettivi organizzativi riguardano soprattutto l’impianto sportivo. Verranno sfruttati al massimo gli spazi dello stadio. E’ in progetto un punto di ristoro, uno spazio per il ballo e altre iniziative per creare un luogo di aggregazione non solo calcistico

Guardiamo più avanti: quali sono gli obbiettivi sportivi e societari di Medio/Lungo termine?

Riportare la società ad essere un punto di riferimento del calcio fiorentino. Non dimentichiamoci che è la seconda società di Firenze.

La Fiorentina è sempre stata accusata di non intrattenere molti rapporti con le altre società fiorentine che potrebbero fungere da serbatoio per il settore giovanile: avete intenzione di intraprendere qualche contatto con la Fiorentina o altre società di alto livello?

Con la Fiorentina i rapporti sono ottimi. Già dal prossimo anno potrebbe venire a giocare da noi con una squadra giovanile (Primavera o Allievi)

Vista la sua importanza nel medio/lungo termine che programmi avete per il settore giovanile?

Abbiamo iniziato con la scuola calcio. Purtroppo abbiamo trovato il settore completamente azzerato con nemmeno un giocatore tesserato! Penso che prima di 5 o 6 anni sarà difficile ricreare un settore giovanile di qualità.

Quali sono state le prime risposte da parte del pubblico dopo la festa con cui avete presentato la squadra? Avete in mente altri progetti per riportare la gente intorno alla Rondinella?

Grande entusiasmo soprattutto tra la gente di San Frediano. Possiamo dire con certezza che la Rondinella è veramente tornata a casa.

Avete intenzione di promuovere in qualche modo la continuità storica con la vecchia Rondinella Marzocco ?

La storia, soprattutto gli anni positivi vanno salvaguardati. Verrà fatto anche un museo della Rondinella al Torrino o allo stadio. Mentre va cancellato la storia recente, gli ultimi anni di gestioni disastrose che hanno macchiato sia il passato che la credibilità della società.





Quale priorità: Centro Sportivo o Cittadella ?

9 09 2009

cittadella

21 settembre. Questa è la data scelta per il Consiglio Comunale dove il Sindaco Renzi  dovrà discutere dell’eventuale zona dove costruire l’ormai famosa “cittadella viola” diventata croce e delizia della tifoseria.  Difficile, se non impossibile, trovare però gli ettari richiesti dalla famiglia Della Valle all’interno del Comune di Firenze.

Che cosa accadrà quindi resta un mistero; da una parte c’è una società di calcio che deve trovare nell’autofinanziamento lo strumento necessario per continuare ad essere competitiva e allo stesso tempo redditizia, dall’altra c’è il Comune che giustamente non vuole investire un Euro di denaro pubblico per una spesa non ritenuta importante (le priorità sono ben altre…).

Le sensazioni non sono molto positive.

I Della Valle, imprenditori di successo da decenni, verosimilmente avevano già in mente questo progetto ancor prima di acquistare la Fiorentina. D’altronde non sono mai stati veri appassionati di calcio (a parte una breve esperienza di Diego nel C.D.A. dell’Inter) e probabilmente del tutto legittimamente uno dei loro scopi comprando la società era proprio quello di costruire una zona commerciale con negozi, alberghi, musei, parchi a tema , etc.

Ammettendo comunque che il Comune risponda affermativamente al progetto Della Valle è obbligo far notare che per costruire la “cittadella” occorrerebbero anni. E nel frattempo cosa farebbe la proprietà? Tutti campionati di transizione?

Non ci resta che attendere la prossima puntata.

A noi, comunque, preme sottolineare che ci potrebbero essere anche altre priorità in seno alla società. Prima di pensare in grande occorrerebbe fare un piccolo passo. Un passo chiamato mini-centro sportivo per evitare alla squadra di arrivare al campo di allenamento con mezzi di fortuna.

In questo caso non occorrono anni, basta un po’ di volontà!