Tappiamoci il naso…

30 03 2010

Sospiro di sollievo. Troppo importante la famiglia Della Valle per Firenze e per la Fiorentina. E così, con il comunicato di Diego Della Valle che si autoesonera dalla carica di Presidente Onorario,  termina la giornata più lunga degli ultimi 8 anni della storia gigliata. Una giornata iniziata con il titolo del Corriere dello Sport-Stadio che annunciava l’addio di DDV dalla società viola e un susseguirsi di voci sulla possibile cessione della stessa. Invece poco dopo le 16 ecco  la lettera dell’ex Patron che lascia tutto nelle mani del fratello Andrea. Poche righe, a dir la verità poco comprensibili, degne del miglior Conte Mascetti con una serie di supercazzole (” La sottile strumentalizzazione che in questo periodo qualcuno ha tentato di fare nei confronti della Società, contrapponendola ai suoi tifosi, ha superato ogni livello di tollerabilità”) sui motivi (?) che hanno portato alla sofferta decisione. Non è la prima volta che la famiglia Marchigiana scrive lettere ai tifosi accusando chissà chi. Già a settembre Andrea ne scrisse una per comunicare ai tifosi la scelta  di lasciare la Presidenza. Ancora stiamo aspettando di capire le motivazioni perché ora, come allora, ci sfuggono.

Guardando però quello che c’è intorno e visto anche l’interesse (!) mostrato dagli imprenditori Fiorentini all’indomani del fallimento, teniamoci stretti questa proprietà con le loro “cheche” ma anche con gli straordinari risultati raggiunti. Tappiamoci il naso ed andiamo avanti…





Fiorentina – Rubentus 1-2

6 03 2010

Altra prova sconcertatante della squadra gigliata che soccombe contro l’odiata Juventus per 1-2 (Diego,Marchionni e Grosso).

Pronti via e i gobbi sono già in vantaggio: Diego si presenta, in sospetto fuorigioco, davanti a Frey, lo mette a sedere e segna. La reazione Viola c’è e il primo tempo si chiude meritatamente in pareggio grazie al goal di Marchionni che però non esulta (chissà perché visto che è stato mandato via a pesci in faccia…misteri del calcio). Nel secondo tempo tutti si aspettano un arrembaggio della Fiorentina che invece giochicchia e vivacchia per 45 minuti perdendo la partita. Incomprensibile l’involuzione di questa squadra: se è vero che in altre circostanze le assenze erano un alibi oggi no.

La partita che per tutti i tifosi viola è la più importante della stagione è stata affrontata in modo approssimativo da tutta la compagine gigliata. Sono ormai 6 le partite in casa perse su 14 giocate. Inaccettabile! I motivi non li conosciamo. Facciamo però un ulteriore appello a tutta la società: fate quanto prima chiarezza sul futuro in Viola di Prandelli. Ogni giorno che passa, ogni conferenza con risposte evasive non fa altro che minare un ambiente che, già da qualche tempo, è sull’orlo del baratro.