Fiorentina – Genoa 2-2 (Primavera)

22 03 2012

La Primavera inciampa per l’ennesima volta contro il Genoa e vede allontanarsi il primo posto del girone. Nel recupero della quarta giornata di ritorno va in scena la sfida con i grifoni che era stata rinviata a febbraio, per Semplici è emergenza in difesa senza Alan infortunato e Biondi squalificato, viene schierato Ashong come centrale di difesa e Romiti va sulla fascia, quest’ultimo torna in campo ad oltre un anno di distanza dall’infortunio occorsogli un anno fa. La squadra è schierata con un 4-3-1-2 con Campanharo sulla linea mediana insieme a Cenciarelli e Agyei mentre Matos agisce da trequartista dietro Zohore e Da Silva. La Viola parte forte al 3′ va vicinissima al vantaggio su suggerimento di Da Silva, Matos si fa respingere il tiro dal portiere avversario da distanza ravvicinata, passano altri due minuti e la Fiorentina va avanti con Matos in versione assist-man e Zohore che nell’area di porta tocca il pallone, l’appoggio è morbido ma il difensore del Genoa nei pressi della linea non riesca a spazzare così la Viola va avanti.

Fino al 15’ la Fiorentina tiene bene il campo poi inizia però ad arretrare il proprio raggio d’azione lasciando maggiormente l’iniziativa agli ospiti che impegnano il portiere Svedkauskas solo in un paio di circostanze, la Fiorentina dal canto suo con il modulo usato non sfrutta le corisie esterne e sceglie di servire le punte con improbabili lanci lunghi che trovano spesso gli attaccanti gigliati in fuorigioco.

Nella ripresa il Genoa perviene presto al pari sugli sviluppi di un angolo con Parodi, il cui primo tiro è respinto dal portiere viola, ma sulla ribattuta è ancora Parodi a spingere il pallone in rete. Una volta subito il pari la Viola torna a farsi più propositiva in avanti, la squadra di Semplici va vicina al gol con Da Silva che non sfrutta un assist di Zohore a pochi metri dalla porta avversaria e poi con un tentativo da fuori area di Campanharo (dopo una bella azione personale) si perde a lato di poco. Il nuovo vantaggio viola arriva alla mezz’ora della ripresa, su una respinta del portiere ospite su un tiro di Jackson la conclusione in diagonale dal limite dell’are di Panatti trova l’angolino vincente, è il gol del 2-1, Panatti  era entrato in campo da appena tre minuti. La Fiorentina compie lo stesso errore del primo tempo abbassando troppo il proprio baricentro e viene punita a due minuti dalla fine con Said che dal limite dell’area pesca il sette battendo imparabilmente Svedkauskas. La Fiorentina potrebbe ritrovare il vantaggio alla fine dei tre minuti di recupero su un tiro da fuori di Cenciarelli, la deviazione di un difensore diventa un assist di Agyei, un rigore in movimento a sei metri dalla porta che però finisce a lato. Sfuma così la vittoria e il primo posto in classifica occupato dalla Juventis resta a tre punti di distanza, sabato sfida interna contro il Torino, un’altra squadra che, come il Genoa, negli ultimi due campionati non ha mai perso con la Fiorentina.

 

Svedkauskas 6, Bittante 6 Ashong 5,5 Rozzio 5,5 Romiti 5,5; Agyei 5,5 Cenciarelli 6,5, Campanharo 6; Matos 5,5 (25’ st Panatti 6,5); Zohore 6, Da Silva 5,5 (40’ st Baccarin sv).

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: